Please pick only 1 post size and/or column!!
CHOOSE YOUR COMBO!
1 column - 500px posts / 400px posts / 250px posts
2 columns - 400px posts / 250px posts
3 columns - 250px posts only
"Tumblr. Nato per gli artisti, morto per i finti autolesionisti."
- Me (via taisiasr)

🌸

(via guardaoltreilmiosorriso) -
"'Signorì, che c'avete?'
Le disse il proprietario del bar.
Era un uomo sulla sessantina, con i capelli bianchi e quella parlata un po’ romana che lei tanto amava.
‘Niente Vincenzo, niente.’
Disse lei, sorridendogli per bloccare le lacrime.
‘Signorì, so’ più de quarant’anni che faccio sto lavoro, e le posso assicurà che de belle ragazze piagne sto bar ne ha viste pure troppe, forse. Ma le posso pure assicurà che nessuna c’aveva l’occhi come i suoi. Su’ bella giovine, dì a un vecchio come me che c’hai, che nun te posso vedé così, me se strigne ‘r core.’
Le si accomodò difronte, posando il vassoio e asciugandosi le mani nella ‘parannanza’, come la chiamava lui.
‘Niente Vincè, niente di importante, niente di strano..’
Disse la ragazza con voce rotta.
‘Ah, signorina mia, e queste lacrimucce? Queste non so pe’ niente, le lacrime non so mai pe’ niente signorì. Me faccia indovinà.. Ha litigato col fidanzato?’
‘Litigato’ sorrise lei.
‘Magari avessimo solo litigato. Mi ha lasciata. Senza spiegazioni, senza un minimo di niente.’
‘Signorina bella, lei potrebbe esse mi nipote, quindi ascoltateme ‘n attimo, come se fossi su nonno.
Io so vecchio, ma ‘na volta so stato giovane e regazzino pure io. C’avrò avuto all’incirca l’età sua, signorì.
Io avevo diciannove anni e quella che all’epoca era la mia fidanzata ne aveva sedici. Voi signorì, quanti ce ne avete?’
‘Sedici..’
‘La stessa età della mia donna del tempo. Be’ dovete da sapè, che io e ‘sta ragazzina, al tempo c’amavamo tanto. Lei era bellissima, aveva i capelli di un colore come il vostro, e du’ occhi che brillavano e spruzzavano gioia. Eravamo innamorati pe’ davero, facevamo quelle che se chiamavano scappatelle, perché ‘na volta nun era come ora, ‘na volta o te sposavi subito o dovevi fa tutto de nascosto. Me ricordo ancora, le belle lettere che me scriveva, e io che sapevo appena legge signorì! Ma lei m’amava pure perché ero ignorante, perché ero figlio de un barista, mentre lei era figlia de un generale. Lei m’amava perché quel fiore che le strappavo dal giardino sotto casa, pe’ lei valeva più delle piante costosissime che su madre comprava. Eravamo felici davero signorì, e c’amavamo, ma de quell’amore vero. Ma diteme, te e ‘sto ragazzi che v’ha fatto piagne, v’amavate?’
‘Si Vincè, ci amavamo, io lo amavo con tutta me stessa, e credevo che anche lui mi amasse, fino ad oggi.. Lui mi regalava sempre le margherite, quelle belle e piccole che raccoglieva al parco, e me le infilava fra i capelli. Mi diceva poche volte di amarmi, ma me lo dimostrava ogni giorno.. E poi boh. Mi ha lasciata così, spiazzandomi.’
‘Come immaginavo..continuate a sentì ‘sta storia.
Come je dicevo, noi c’amavamo tanto, forse troppo.
Un giorno però so stato cattivo.
Un giorno venne un bella americana qui al bar. Bella, bionda, occhi azzurri. Capite, io ero giovane, e me infatuai de ‘sta biondona. Così cominciai a trascurare la donna che dicevo di amare per stare co’ sta bella americana. Non ce stanno scuse pe’ quello che feci, credeteme. Andai da quella donna che m’amava tanto e le dissi che io non l’amato che me volevo solo divertì. Inutile dije quanto avrà pianto quella pora donna signorì. Intanto io me divertii co’ st’americana, fino a quando questa non tornò in America e io rimasi come uno scemo. Me ricordo ancora signorì quanto me so sentito stupido. Avevo cacciato la donna della mia vita per divertirmi. Eh, l’omini so stupidi!’
Lei sorrise, ‘continua’ gli sussurrò.
‘Passarono circa cinque o sei settimane da quel giorno che maledicevo, e indovinate un po’? Un giorno m’arrivò una lettera, e sapete chi l’aveva scritta? La donna che avevo fatto piagne. Tanto male le avevo fatto, ma lei un’ultima lettera m’aveva scritto. Voleva famme sapè quanto male stava, ma voleva rinraziamme pe’ i bei momenti.
Io volevo corre da lei, ma la paura che non me volesse era troppa. Così aspettai.’
‘Ma perché mi racconti queste cose..?’
‘Perché signorì, io quella donna me la so sposata, e so più de quarant’anni che c’amamo. Questo è un consiglio de un vecchio: se te lo ami veramente, e se lui te ama, tornerete insieme. Ma, come è capitato a me, è stata lei a fa un passo verso de me, pure se l’avevo lasciata senza darle spiegazioni.
Quindi signorì, se lo amate, aspettate un po’, e se il sentimento diventa più forte dentro de voi, allora cercatelo e ripijatevelo.’"
-

Em. (via aliveforlive)

dio mio.

(via gliocchipienidimare)

-
2 3 4 5 6 7